Nonsochè

Bracalente-piccoli

“topo topo senza scopo, dopo te, cosa vien dopo?”

Questo piccolo spettacolo è un attraversamento drammaturgico di un libro speciale, Tre per un topo di Toti Scaloja (edito da Quodlibet, 2015).  Un libro che permette di accostarsi alla matrice più intima della sua produzione per l’infanzia, in quanto riproduce l’album in disegni e filastrocche che l’autore ideava, quarant’anni orsono, direttamente per i giochi delle sue nipotine. Un prezioso bestiario poetico da cui si origina uno sguardo capace di oscillare tra l’infanzia presente del bambino e quella remota dell’adulto.

Da questo libro presentiamo venti figure di animali in venti minuti. Ciascun animale  sembra volerci parlare di qualcosa di misterioso che riguarda proprio noi…

ma vanno tutti così di fretta (proprio come il Bianconiglio!) che è inutile chiedere loro di farci capire di più, perché rispondono solo in rima, e così il senso fa una capriola, e noi…

noi ci ritroviamo sempre a testa in giù!