fbpx

Il bello del Festival

largeCombinando diversi linguaggi narrativi, per tutta la durata del Festival, Macerata Racconta allestisce esposizioni artistiche e fotografiche dedicate ai limiti. Il Programma delle Esposizioni conta ben 35 artisti e altrettante forme espressive, dalla pittura alla scultura, fotografie e video.

L’inaugurazione delle mostre artistiche è in programma per il 2 maggio.

Alle ore 18,30 alla Galleria Antichi Forni:

(8) Infiniti limiti Collettiva artistica a cura di David Miliozzi
con opere di Clarissa Baldassarri, Cagliostro, Silvio Craia, Pina Fiori, Donatella Fogante, William Vivì Medori, Newman, Giulio Perfetti, performance di realtà aumentata di Tomas e Giuliana Guazzaroni.
La mostra analizza il rapporto che si instaura tra il limite e l’oltre, tra il confine e il passar oltre. Il limite dell’esposizione consiste nel numero degli artisti che l’hanno realizzata, 8 come il simbolo capovolto dell’infinito. L’osservatore come Leopardi deve indagare ciò che si nasconde dietro, guardare oltre il limite per coglierne l’infinita bellezza.

Laminare 
di Francesca Rossi Brunori e Marco di Cosmo
L’opera è ispirata a Jan Potocky e alla libertà di seguire la propria natura a prescindere dalle conseguenze.
Combinando parole e immagini, in 18 minuti il significato di limite si trasforma in paradosso.

Orari d’apertura:
2 maggio 18,00-20,00
3-4 maggio 17,00-20,00
5-6-7 maggio 10,00-13,00 16,00-20,00


Alle ore 21,15 ai Magazzini UTO:

Donne Sospese Personale fotografica di Massimo Zanconi con introduzione di Cesare Catà
Protagoniste di questi scatti sono le donne, ritratte nella loro metamorfosi in eroine. La presenza femminile ricorda le antiche figure elleniche, restituendo all’osservatore un senso di bellezza classica e al tempo stesso di smarrimento.

Imago Finibus Collettiva fotografica a cura di Distilleria Fotografica
di Matteo Baiocco, Vincenzo Viviani, Luca Marcolini, Massimo saraceni, Mauro Pianesi
testi di Cristiano Cacchiarelli ed esposizione del contest fotografico #Limiti
Con le immagini la mostra intende superare il limite di un formato, oltrepassare il limite del tempo e raccontare storie.
Un viaggio mentale all’interno di un istante, l’itinerario turistico che ci mette a disposizione l’attimo.

Orari d’apertura:
Dal 2 al 15 maggio: 10,00-13,00 / 16,00-20,00