5 gennaio, 2017

4 febbraio – Melania Mazzucco: Gli inverni crudeli

Mazzucco-MelaniaTorna a Macerata Racconta la scrittrice Melania Mazzucco che ci parlerà degli inverni crudeli. L’autrice di “Io sono con te. Storia di Brigitte”, vincitore del premio Libro dell’Anno 2016 di Radio3 Fahrenheit, affronterà il tema insieme a  Gabriele Barucca – responsabile della Soprintendenza alle Belle Arti e al Paesaggio delle Marche – , Lucia Tancredi e Loredana Lipperini con i quali si interrogherà anche su come sia possibile tutelare  un’identità territoriale attraverso il recupero e la salvaguardia delle opere culturali che la caratterizzano.

P-Mazzucco

Melania Mazzucco una delle migliori scrittrici contemporanee italiane, vincitrice di numerosi premi e riconoscimenti in Italia e all’estero dove i suoi romanzi sono tradotti in 24 paesi.
Dal 1995 collabora all’Enciclopedia Italiana Treccani, per la quale ha curato il settore letteratura e spettacolo di varie opere dell’Istituto.  Suoi articoli sull’arte e il teatro sono apparsi su diverse testate nazionali. Nella narrativa ha esordito nel 1992 con il racconto Seval, mentre il suo primo romanzo è Il bacio della Medusa (1996) e insieme a La camera di Baltus (1998) sono stati  finalisti al Premio Strega che l’autrice ha vinto nel 2003 con il romanzo “Vita”.  Nel 2016 pubblica Io sono con te. Storia di Brigitte (Einaudi), vincitore del premio Libro dell’Anno 2016 di Radio3 Fahrenheit.

Io sono con teDue donne si incontrano per mesi, imparano a conoscersi, a capirsi, a fidarsi l’una dell’altra. Una si chiama Brigitte, arriva dal Congo, ha perso tutto e comincia a raccontare; l’altra si chiama Melania, l’ascolta a lungo e poi quella storia decide di scriverla.
Brigitte arriva alla stazione Termini un giorno di fine gennaio. Addosso ha dei vestiti leggeri, ha freddo, fame, non sa nemmeno bene in che Paese si trova. È fuggita precipitosamente dal Congo, scaricata poi come un pacco ingombrante. La stazione di Roma diventa il suo dormitorio, la spazzatura la sua cena. Eppure era un’infermiera, madre di quattro figli che ora non sa nemmeno se sono ancora vivi. Quando è ormai totalmente alla deriva l’avvicina un uomo, le rivolge la parola, le scarabocchia sul tovagliolo un indirizzo: è quello del Centro Astalli, lí troverà un pasto, calore umano e tutto l’aiuto che le serve. Di fatto è un nuovo inizio, ma è anche l’inizio di una nuova odissea. Io sono con te è un libro raro e necessario per molte ragioni: è la storia di un incontro e di un riconoscimento, di un calvario e una rinascita, la descrizione di un’Italia insieme inospitale e accoglientissima, politicamente inadeguata e piena di realtà e persone miracolose. Melania Mazzucco si è messa in gioco a ogni pagina come essere umano e come scrittrice, scegliendo una forma flessibile e nuova, esatta, personale, carica di un’emozione trattenuta e dirompente. Se in Vita aveva narrato l’epopea dell’emigrazione italiana, ora ribalta la prospettiva: guardando negli occhi questi uomini e queste donne, specchiandoci nelle loro storie, non potremo non riconoscere l’energia disperata che ci accomuna tutti, quando la vita ci ha travolti e tentiamo di rimetterci in piedi.

P--lipperini

Loredana Lipperini, giornalista e scrittrice,  collabora da molti anni con le pagine culturali de “la Repubblica” e de “Il Venerdì di Repubblica”. È stata fra le prime voci di Radio Radicale, passando poi alla RAI per la quale ha condotto numerosi programmi radiofonici e televisivi. Attualmente è una delle voci su Radio RAI 3 della trasmissione di approfondimento culturale Fahrenheit. Dal 2004 ha un blog, www.lipperatura.it, dove pubblica recensioni, interviste, e commenti relativi alle nuove uscite editoriali. I suoi libri sono stati pubblicati da importanti case editrici come Laterza, Einaudi e Feltrinelli. E` molto legata alle Marche, sua  terra di origine, alla quale ha dedicato il suo libro Questo trenino a molla che si chiama il cuore. Loredana Lipperini è anche autrice di romanzi e racconti fantasy di successo pubblicati con il suo eteronimo Lara Manni.

P-Tancredi

Lucia Tancredi,  insegnate di letteratura e  scrittrice, ha attraversato la passione slava con il suo libro “La vita privata di Giulia Schucht”, edito da Ev casa editrice, e vincitore nel 2013 del premio internazionale “Scrivere per amore”. Il suo ultimo romanzo “L’otto”, pubblicato sempre per Ev, è invece dedicato all’artista Lorenzo Lotto. Ha inoltre fondato e diretto ev mensile di scrittura ricreativa.