Gian Antonio Stella

StellaInviato ed editorialista del Corriere della Sera, Gian Antonio Stella è una delle penne più sagaci del giornalismo italiano. La sua scrittura fonde con abilità politica, cronaca e costume. Nel 2005 ha esordito nella narrativa con il romanzo Il maestro magro e nel 2007 ha pubblicato, insieme a Sergio Rizzo, La castache ha totalizzato 1.200.000 copie vendute e ben 22 ristampe. A Macerata Racconta affronterà quella incomprensibile e complicata passione italiana che è la burocrazia partendo dal suo ultimo saggio Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli edito da Feltrinelli. Un libro che, attraverso esempi e testimonianze, indaga e illumina con ironia e precisione il buco nero della burocrazia italiana sempre più difficile da comprendere.

IL LIBRO
Copertina-BolliAnziani obbligati dall’Asl a pesare i pannoloni dopo l’uso. Cassazione alle prese con processi per lo sgocciolio di una camicia o la brucatina di un’asina. Miracolate a Lourdes alle quali è vietato rinunciare alla pensione d’invalidità. Porti collaudati ufficialmente dopo 36 anni. Cittadini vivi e vegeti che faticano a dimostrare di non essere morti dal 2008. Decreti attuativi mai fatti al punto che Renzi ne ha ereditati un’enormità: 513. Ministeri che sbrigano ricorsi dopo 31 anni e intimano al ricorrente: risponda immediatamente. Dirigenti asserragliati nella trincea del burocratese e pagati in media il triplo che in Germania. Terremotati alle prese con 1109 leggi e leggine impossibili da rispettare. Norme surreali sui velocipedi “alti al massimo metri 2,20”, gli “effetti letterecci” o la pesca dei trichechi. Gian Antonio Stella racconta la burocrazia italiana. Un reportage spassoso e insieme inorridito sulle regole, i meccanismi, gli uomini, i deliri, gli sprechi e i privilegi più folli e offensivi di un mondo a parte che non vuole cambiare. E pesa sul paese per almeno 70 miliardi di euro.