Una mappa per decifrare le ragazze del nostro tempo, un amuleto per non perdersi, un antidoto alla paura.

«Ho parlato per due anni con mille donne, da sei a novantasei anni. Soprattutto adolescenti, giovani donne. Ho posto a tutte le stesse domande: cosa sia importante nella vita, come ottenerlo, come fare quando quel che si aspetta non arriva. Nelle risposte il tema centrale è sempre l’amore» – Concita De Gregorio

Tre anni di ricerche, più di mille interviste, oltre 400 le clip narrative, le cui protagoniste assolute sono sempre loro, le donne. Concita De Gregorio raccoglie i pensieri e le riflessioni di donne “libere, coraggiose, spregiudicate, piene di storia e di speranza” in un progetto narrativo tutto al femminile. Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso nasce dalle esperienze concrete e dal vivere quotidiano di quindici donne, che hanno poi dato vita a questo docufilm, presentato alla 74ª Mostra del cinema di Venezia. «L’idea è di risalire alla sorgente dei giorni presenti» chiarisce l’autrice, in modo particolare «il racconto di speranze, desideri, paure e dell’idea di futuro delle donne italiane, quando il futuro si è compiuto e sono i loro volti a dirci com’è andata». Il film verrà proiettato anche a Macerata Racconta il 5 maggio, ore 20.30, presso il Cinema Italia. A seguire si svolgerà l’incontro con l’autrice, Concita De Gregorio che presenterà il romanzo Cosa pensano le ragazze (Einaudi). 

“Tutto è proprio come deve essere. Non c’è da ostinarsi a spostare i pezzi. Bisogna solo osservarli muovere, vedere dove vanno. Questo siamo: spettatori attivi nel teatro dell’universo. E’ uno spettacolo, realmente, la vita” – Concita De Gregorio