Paolo d’Altan

PL-Daltan

Illustratore, vive e lavora a Milano. È stato tra i primi ad esplorare lo strumento digitale. Collabora con le principali case editrici italiane e straniere e con i quotidiani Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore. Ha partecipato a numerose mostre in Italia e all’estero e ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui due ori dell’Art Director Club Italiano e il Premio Andersen come miglior illustratore «Per essere, da anni, una delle voci più alte e interessanti della nostra illustrazione». Per Rrose Sélavy ha illustrato Pupa, un racconto di Loredana Lipperini, per la collana Il Quaderno quadrone.

PupaAdele è la Nipote Sostituta della signora Pupa.
Nel 2020 i ragazzi fanno un particolare lavoro: dopo la scuola, vanno a trovare le persone anziane per tenere loro compagnia, come dei veri e bravi nipoti. Adele si immagina pomeriggi noiosi. Ma sarà tutto diverso. Con Pupa le ore trascorreranno veloci, costruendo oggetti fantastici – ombrelli sibilanti, acchiappanuvole, soffiamusica da passeggio – e ascoltando i racconti di straordinarie avventure: quelle vissute dalla giovane Pupa in compagnia di un cammello-dinosauro e del Jinn, il genio buono che l’ha aiutata in situazioni difficili. Pupa è determinata, intelligente, ironica, mai triste. Ha dei nobili ideali: combattere le banalità, i pregiudizi, le falsità.
Come fai a non volerle subito bene, ad una Pupa così?