fbpx
15 aprile, 2018

Macchini e Iannacci

 

 

PIERO MASSIMO MACCHINI
La gente mormorano 

DEBORAH IANNACCI
Il Tripponario
Usi e costumi scostumati della vergara

05 maggio | 16,00
Magazzini UTO

introduce Simone Giaconi

evento a cura di Giaconi Editore

Piero Massimo Macchini un talento naturale, un attore multitasking, un fenomeno senza eguali. Spazia con disinvoltura dal teatro di strada al cinema, passando per il teatro comico alla tv e dal web alla radio. Propone una media annua di 200 live e più di 150 video nei suoi canali social. Nel corso della sua carriera si è esibito in tutti i 5 continenti portando i suoi di Visual Comedy. Fonda Lagrù, una associazione culturale fucina di artisti e fonda il progetto web, live e tv, Marche Tube. È anche formatore e personal coach per enti statali e privati, firma regie per il teatro e non solo. La sua ultima follia, il Marche Comedy Record, un progetto a sfondo sociale dove ha sostenuto uno show di 12 ore consecutive, ovvero parte di tutto il suo repertorio. Non disdegna l’editoria, pubblicando con questo il suo secondo libro dopo il successo di Piacere Provincialotto. Parla di lui dicendo: “Non sono diventato comico, ma scemo ci sono nato e non sarei mai riuscito a fare niente di tutto ciò se non ci fosse stata la pensione di mamma”. Professa e crede nel Radical Grezzo.

Deborah Iannacci, classe ’85, nasce a Sant’Elpidio a Mare, è 0 positivo e porta il 38 di scarpe. Da sempre attratta dal mondo della comunicazione, tanto che alle elementari redige un giornalino settimanale che disegna e scrive di suo pugno su fogli a quadretti e vende per 150 lire ai suoi compagni di classe, truffandoli. Nel corso degli anni sceglie il percorso come grafica pubblicitaria, dapprima frequentando una scuola professionale e poi aprendo una attività in proprio che segue tuttora. Però questo a Deborah non basta, a lei je piace a magnà. Così fonda la pagina Facebook TRIPPAdvisor dando vita a una community di fans scatenati che al solo nominare ciauscolo e vincisgrassi fanno la ola.

  Una regione ancora poco conosciuta vista e raccontata da un narratore d’eccezione: la donna di casa, propriamente detta “la vergara “. Lei ti accompagnerà nelle case, nei borghi, nella cultura con sincera genuinità… Bocca, pija ‘na sfrappa!
(Paola Beltrami)

 

“La gnocca è importante, ma non è tutto nella vita. Ci sono anche gli aperitivi.”