fbpx
15 aprile, 2018

Giovanna Olivieri

 

GIOVANNA OLIVIERI
Io cucino ad occhio

06 maggio | 19,30
Magazzini UTO

introduce  Roberto Brioschi

degustazione con pane olio e vino a cura di Osteria dei fiori

“Manuale di cucina “senza bilance”, libera e naturale.”

Per chi segue la filosofia q.b. ovvero “quanto basta”: 99 ricette di cucina libera, facile, guidata dal buonsenso, dall’antipasto al dolce. Scritte per chi ai fornelli si affida alle mani, al “pizzico” o al “pugno” invece che alla bilancia di precisione. Per chi agli chef-padroni televisivi preferisce le ricette in corsivo trovate in un cassetto o tramandate a voce. Per chi ha avuto in eredità dalla nonna un mattarello e l’amore per la manualità. Per i cuochi distratti, a cui manca sempre un ingrediente ma che non temono le variazioni sul tema. Per chi sa bene che le “tradizioni” nascono incorporando nelle ricette culture e ingredienti nuovi. Per chi ama la cucina semplice e quotidiana. Per chi raccoglie nell’orto o nel prato invece di stare in fila al supermercato. Per chi quando è in cucina (o fa la spesa) rispetta le materie prime, l’ambiente, le persone e non spreca il cibo. Per chi cucina per il gusto di farlo, per le persone che ama, per stare bene o scoprire sapori nuovi. E anche per chi pensa di essere negato, perché cucinando s’impara.

Per chi agli chef-padroni televisivi preferisce le ricette in corsivo trovate in un cassetto o tramandate a voce. Per chi ha avuto in eredità dalla nonna un mattarello e l’amore per la manualità. Per i cuochi distratti, a cui manca sempre un ingrediente ma che non temono le variazioni sul tema. Per chi ama confrontarsi, condividere, considerare le proprie ricette open source. Per chi sa bene che le “tradizioni” nascono incorporando nelle ricette culture e ingredienti nuovi. Per chi ama la cucina semplice e quotidiana. Per chi raccoglie nell’orto o nel prato invece di stare in fila al supermercato. Per chi quando è in cucina (o fa la spesa) rispetta le materie prime, l’ambiente, le persone e non spreca il cibo. Per chi cucina per il gusto di farlo, per le persone che ama, per stare bene o scoprire sapori nuovi. E anche per chi pensa di essere negato, perché cucinando s’impara.

Le 99 ricette sono perfette per pranzi e cene conviviali – da un menu semplice e quotidiano a uno perfetto a festeggiare – ma sempre senza sprechi, con un’ampia scelta di preparazioni vegetariane e vegane. Ricette tradizionali divise in antipasti, pasta asciutta, zuppe e minestre, secondi e piatti unici, contorni, pizze e torte salate, dolci e confetture. Ogni ricetta indica i tempi e le difficoltà, i nutrienti che si assumono con il piatto, gli ingredienti (alcuni dolci hanno le dosi, per motivi tecnici) e le modalità, passo per passo.
Con le illustrazioni di Chiara Perugini

   

Giovanna Olivieri è una partigiana della cucina “a occhio”. Una cucina ispirata alla filosofia del q.b. (“quanto basta”) che promuove una via più personale e naturale alla cucina di tutti i giorni. Niente dosi – salvo eccezioni – niente regole predefinite, niente preconcetti… Perché il cucinare torni ad essere un atto libero e liberatorio, facile, guidato dal buonsenso e dal gusto
personale.
“La cucina salverà il mondo” è un incontro informale durante il quale l’autrice racconterà come il ritorno alla cucina semplice e quotidiana può avere effetti dirompenti e virtuosi sulla realtà in cui viviamo. Giovanna Olivieri condividerà e confronterà con il pubblico le riflessioni scaturite dalle sue letture, le meditazioni germogliate mentre lavora nel suo orto, i pensieri scambiati con la gente comune, i ricordi della cucina di un tempo raccontati dai vecchi.
La dialettica di Giovanna Olivieri è un tentativo di riportare la gente ai fornelli e al cucinare nel quotidiano senza troppi timori reverenziali. La “cucina a occhio” è infatti pensata per chi ha deciso che l’estro e la fantasia contano di più di un impiattamento a regola d’arte. Per i cuochi distratti, a cui manca sempre un ingrediente ma che non temono le variazioni sul tema e le sperimentazioni. Per chi ama confrontarsi, condividere. Per chi sa bene che le “tradizioni” nascono incorporando nei piatti culture e ingredienti nuovi. Per chi ama la cucina semplice e quotidiana. Per chi raccoglie nell’orto o nel prato invece di stare in fila al supermercato. Per chi quando è in cucina (o fala spesa) rispetta le materie prime, l’ambiente, le persone e non spreca il
cibo. Per chi cucina per il gusto di farlo, per le persone che ama, per stare bene o scoprire sapori nuovi. E anche per chi pensa di essere negato, perché cucinando s’impara. Per chi ai fornelli si affida alle mani, al “pizzico” o al “pugno” anziché alle bilance di precisione . Per chi ha avuto in eredità dalla nonna un mattarello e l’amore per la manualità. Per chi agli “chef-padroni” televisivi preferisce le ricette scritte in corsivo trovate in un cassetto o tramandate a voce. Durata incontro: 1,5/2 ore Materiale richiesto: un microfono e un tavolino Spese: viaggio ed eventuale pernottamento a carico dell’organizzazione da definire direttamente con l’autrice.

Nel corso dell’evento l’autrice gestirà la vendita di copie dei suoi libri.
Biografia:
Giovanna Olivieri (1970) è la cuoca-amica che vi guiderà nella cucina q.b. Marchigiana , mamma, cuoca appassionata, produttrice con amore di verdure, uova e pollame per sé e per la sua famiglia, amante delle tradizioni e della musica popolare, del mondo naturale e dell’arte umana, ha scritto il manuale di economia domestica “Io lo faccio da me” (TerraNuova, 2014).
Insegnante di inglese e traduttrice a tempo perso, negli ultimi anni dedica sempre più tempo all’approfondimento di tematiche ambientali come l’agricoltura biologica e la salvaguardia della biodiversità. Ha organizzato e curato laboratori di educazione ambientale, manualità e riuso per bambini e adulti, seminari di riconoscimento, raccolta e cucina con le erbe spontanee, laboratori di birdgardening; inoltre ha tenuto conferenze sullo spreco alimentare, sull’utilizzo di materiali di recupero, sull’orticoltura biologica e sulla conservazione della biodiversità presso fiere, parchi naturali, scuole, eventi organizzati da associazioni ed enti pubblici.