STEFANO RICCI / EMILIO VARRA`

RISACCA

2 luglio| 21:45 |ORTO DEI PENSATORI

in caso di maltempo l’evento sarà spostato alla Galleria Scipione
evento nato dalla collaborazione tra Festival KA – Nuovo Immaginario Migrante, Ratatà Festival, Macerata Racconta e La Punta della Lingua
ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

un atto dal vivo di musica e disegno ispirato dall’eterno movimento dell’acqua. Un gesto segue l’altro, una caduta libera nell’instancabile lavorio della risacca.


Info sicurezza e accesso all’incontro   Scarica Modulo da compilare e consegnare all’ingresso

Un atto dal vivo di musica e disegno con Emilio Varrà/Pianoforte e Stefano Ricci/Disegno.
Due persone si avvicinano, si cercano attraverso un ritmo, costruendo un dialogo tra due linguaggi. Un’esplorazione continuamente oscillante, un sottile equilibrio tra istinto e progetto, caduta e sviluppo, nell’esplorazione del legame misterioso che si crea tra suono e disegno durante l’atto performativo. Un gesto segue l’altro, una caduta libera nell’instancabile lavorio della risacca.

Stefano Ricci: disegnatore e artista grafico di fama internazionale, dal 2003 vive lavora e insegna ad Amburgo. Dal 1985 collabora con la stampa periodica e l’editoria in Italia e all’estero. Nel 1989 pubblica il suo primo libro, “Dottori”, al quale sono seguiti “Ostaggi nello spazio”, “Don Giovanni” (selezionato alla Biennale dell’illustrazione di Bratislava), Il magnifico libro del “Signor Tutto e Lamioche”. Sempre partendo dal disegno lavora per il teatro: collaborando con il “eatro Testoni, la compagnia di Leo De Bernardinis, il Teatro della Polvere, Modica Machisi, Teatro La Soffitta; per la danza: cura i progetti di Raffaella Giordano e della Compagnia Abbondanza Bertoni; e per il cinema: con Mario Martone e Giovanni Maderna. Dal 1994 firma progetti di immagine coordinata e di collane editoriali per le quali è stato selezionato sull’ADI, Design Index 2000, e per il premio Compasso d’Oro 2001. Dal 2003 è direttore artistico di Bianco e nero rivista del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e docente del corso di fumetto e grafica contemporanea al D.A.M.S. Gorizia, Università degli Studi di Udine inoltre, insegna disegno all’Università delle Arti Applicate di Amburgo. Tra le sue tante collaborazioni ricordiamo:  «Frigidaire», «Avvenimenti», «Linea d’ombra», «Il manifesto», «Esquire», «Panorama», «Glamour», «Liberation», «Les Inrockuptibles», «Internazionale», «Alias», «Lo Straniero», «Bang», «la Repubblica», Mondadori, Rizzoli, Einaudi ed altri.  Dal 2008 dirige, con Anke Feuchtenberger, la casa editrice Mami Verlag.

Emilio Varrà: presidente di Hamelin Associazione Culturale, e tra gli organizzatori di BilBOlbul. È cultore della materia presso la cattedra di Letteratura per l’Infanzia dell’Università di Bologna e insegna Archetipi dell’immaginario nel corso di Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha scritto saggi sulla letteratura per ragazzi ed è coideatore della rivista “Hamelin. Storie, figure, pedagogia”; ha collaborato anche con le riviste “Li.B.e.R” e “Lo straniero” .